1 Consulenza energetica | Consulenza Energia Torino | Broker Energia Torino

Category Archives: Consulenza energetica

I nuovi contatti di Ener-G Evolution

I nuovi contatti di Ener-G Evolution

Come già sapete, il nostro lavoro è dedicato al vostro risparmio.

Risparmio di denaro.

Risparmio di tempo.

Risparmio di “mal di pancia”.

Restando in tema.. da oggi risparmierete anche spazio di memoria.

Desideriamo informarvi che abbiamo cambiato i nostri due numeri di telefono e fax.

Il nuovo numero di telefono e fax, a cui potete fare riferimento è uno solo: 011.9571786.

Cogliamo l’occasione per porgervi i nostri più cordiali saluti.

Mai memorizzare quello che puoi comodamente trovare in un libro. (Albert Einstein)

Platinum de “Il sole 24 Ore” parla di noi: Energia e sinergia con il capitale umano

Platinum de “Il sole 24 Ore” parla di noi: Energia e sinergia con il capitale umano

Platinum de “Il sole 24 Ore” parla di noi: Energia e sinergia con il capitale umano

Espansione sul territorio e affidabilità: le forze di Ener-G Evolution

La scelta di un fornitore deve sempre essere motivata: su questo valore si basa Ener-G Evolution, impegnandosi nel dare ai clienti una ragione per essere scelta. E la ragione, per questa azienda di consulenza energetica, è inserita nel capitale umano in cui crede, principio che è diventato il fulcro del lavoro svolto ogni giorno. Ener-G Evolution (Rivoli) nasce nel 2006 dai quarant’anni di esperienza di Domenico Musolino: con l’avvio dell’impresa ha fatto da mentore alle persone subentrate successivamente, la figlia Emanuela e Antonella Sferlazza. Due, in particolar modo, i valori aggiunti dell’azienda: non avere limiti territoriali – Ener-G Evolution lavora in tutta Italia – e l’affidabilità, di cui è prova la fidelizzazione dei tanti clienti che continuano ad affidarsi a loro e che «firmano i contratti a occhi chiusi. Sanno – spiegano Emanuela e Antonella – che siamo trasparenti su ogni dettaglio». Il valore umano: è su questo che si basa anche la ricerca del cliente ideale. Perché l’azienda lavora con prospettive a lungo termine, con servizi che valorizzino i rapporti personali: “Contatti di valore per obiettivi virtuosi”.

LINK ARTICOLO ONLINE

 

Calendario da muro 2018 – Ener-G Evolution

Calendario da muro 2018 – Ener-G Evolution

Anche il 2018 sarà accompagnato dal Calendario di Ener-G Evolution. Il nostro coloratissimo calendario è gratuito e liberamente scaricabile affinché per la sua diffusione non vi sia utilizzo di carburanti e conseguentemente nessun inquinamento per trasportarlo dalla tipografia ai nostri uffici, dagli uffici alle poste, dalle poste ai singoli destinatari, perché noi diamo valore all’energia, sempre.
Il calendario è disponibile in formato:

A3 -> SCARICA

A4 -> SCARICA

Buon Anno da Ener-G Evolution!

Buon Anno da Ener-G Evolution!

Auguriamo ad ognuno di voi di decidere, in ogni istante che vivrete, di usare al meglio la meravigliosa mente che Dio vi ha dato: scegliete, selezionate e direzionate i vostri pensieri.

“Quindi, fratelli, tutte le cose vere, tutte le cose onorevoli, tutte le cose giuste, tutte le cose pure, tutte le cose amabili, tutte le cose di buona fama, quelle in cui vi è qualche virtù e qualche lode, siano oggetto dei vostri pensieri”. (Filippesi 4:8)

Buon Anno da tutti noi della Ener-G Evolution!

Indecenza senza limiti

Indecenza senza limiti

Ho appena ricevuto una telefonata che mi ha nauseata… La terza in due giorni, la millesima in pochi mesi..

Avevo già ascoltato tanti tentativi fraudolenti ma ora stanno superando ogni limite di decenza!

Dedicate 2 minuti del vostro prezioso tempo e leggete.

Se vi dovessero telefonare e dirvi che sono dell'”ufficio riduzione costi energia elettrica” o sono di “altroconsumo” o della “società energia elettrica” dicendovi che nell’ultima bolletta della luce o del gas avete pagato di più o che possono verificare e farvi pagare molto meno: sappiate che NON È VERO!

L'”ufficio riduzione costi energia elettrica” NON esiste! Altroconsumo difficilmente vi chiama a casa! L’ufficio “energia elettrica” NON esiste!

Sono beceri e falsi tentativi di farvi cambiare operatore MENTENDO, sfruttando l’ignoranza che c’è in questa materia e la potenziale paura di restare senza luce e/o gas.

Checché vi dicano, nessuno potrà mai farvi pagare solo la pura energia (o il puro gas) senza altri oneri aggiuntivi. Tutti i fornitori sostengono i costi di dispacciamento, trasporto e le imposte che per legge (delibere emanate dalle autorità competenti) devono essere pagati e che l’operatore ribalta sulla fattura del cliente (senza maggiorazioni se è onesto). La forma giuridica degli operatori non è “ONLUS”!

Quindi se vi dicono che state pagando di più e invece loro vi faranno pagare molto meno perché vi azzerano più oneri, sappiate che NON È VERO!

Sappiate inoltre che da ora in avanti sarete tempestati, molto più di prima, da telefonate di questo tipo perché da Luglio 2019 scomparirà il mercato di tutela (in cui ci sono ancora milioni di forniture domestiche e non) e quindi i vari operatori si stanno portando avanti per prendere in fornitura tutti quei clienti.

L’operazione sarebbe intelligente e corretta se non dicessero le FALSITÀ che ho sentito ultimamente.

Questo problema c’è da diversi anni (da quando è nato il mercato libero) ma ora stiamo assistendo ad una discesa etica e morale senza precedenti e veramente triste.

Per favore fate attenzione. Avvisate i vostri genitori, i vostri nonni, i vostri zii, persone più anziane che possano spaventarsi sentendosi dire che stanno pagando di più e suggerite loro di non intraprendere conversazioni con soggetti che esordiscono con frasi come quelle sopra riportate.

Dite loro, e sappiate voi, di non farsi fregare da questa corsa all’accalappia clienti.

L’unica voce in bolletta sulla quale si possa trattare è la sola voce inerente il costo puro di energia elettrica e di gas (la materia prima dei servizi di vendita), tutte le altre NO!

Nel nostro splendido paese esistono più di 400 operatori che forniscono luce e gas.. Ce ne sono tanti che lavorano in modo onesto e trasparente, tanti altri no.

Per la vostra tranquillità e serenità, affidatevi a professionisti che conoscano le regole del Mercato Libero.

Affidati a Ener-G Evolution, contattaci per avere qualsiasi delucidazione ed info.

Aziende Energivore: sgravio sugli oneri generali

Aziende Energivore: sgravio sugli oneri generali

Fino al 30 novembre 2017 le aziende energivore potranno richiedere un rimborso parziale degli oneri generali di sistema delle bollette elettriche, grazie al portale telematico dalla Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali.

Il rimborso sarà compreso tra il 15% e il 20% degli oneri.

Da un decreto del 5 Aprile 2013, le aziende energivore godranno di una riduzione degli oneri generali di sistema pagati nelle bollette elettriche.
Sei un’azienda energivora se:

consumi annuali di energia elettrica > 2,4 GWh;
incidenza percentuale dei costi dell’energia elettrica sul fatturato totale > 2%.
Le imprese energivore che potranno beneficiare di questa misura sono quelle operanti nel settore manifatturiero (codice ATECO da 10.xx.xx a 33.xx.xx), individuate tramite la delibera 437/2013 dell’AEEGSI.
Il rimborso sarà calcolato sulla base dell’incidenza dei costi sul fatturato dell’azienda.

Il portale telematico messo a disposizione dalla CSEA (Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali) a partire dal 16 Ottobre 2017, come previsto dalle delibere AEEGSI 677/2016/R/EEL e 655/2017/R/EEL, raccoglie le dichiarazioni sui consumi di energia relativi all’anno 2016.

Il portale on-line rimarrà aperto per 45 giorni per il caricamento delle dichiarazioni, fino al 30 novembre 2017. Decorso tale termine, la dichiarazione non potrà dare luogo al riconoscimento di agevolazioni.

Nuovi oneri di sistema elettrico dal 2018

Nuovi oneri di sistema elettrico dal 2018

Dal 2018 si passerà da una tariffa binomia a una tariffa trinomia.
E’ stato ridefinita la struttura dei c.d. Oneri di Sistema elettrico, con l’introduzione di un nuovo schema di costo trinomio espresso in Euro/anno, Euro/kW (attualmente non esistente), Euro/kWh, questo dopo la Delibera AEEGSI 481/17.
Ci saranno delle nuove aliquote distinte in :

“Oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili ed alla cogenerazione” (ASOS), distinti per classi di agevolazione, ivi inclusi i clienti non agevolati;
“Rimanenti oneri generali” (ARIM);
Componenti perequative UC3 e UC6.

In sintesi, ci saranno varie tipologie di utenza.

Questi cambiamenti ne colpiranno maggiormente due.

La percentuale di incidenza di costo degli oneri salirà, questo per quanto riguarda le utenze industriali.

Per quanto riguarda utenti autoproduttori, ci sarà un aumento del prezzo delle componenti fisse e l’introduzione di una componente a kW di potenza in tali oneri si riverbererà pertanto (in misura al momento non prevedibile) su una minore convenienza a installare ed esercire sistemi cogenerativi.
Non conoscendo il livello delle componenti fisse, le aziende sono intenzionate all’installazione di sistemi di autoproduzione cogenerativa e questo porterà a una fase di incertezza a livello normativo e tariffario.

Caro energia inverno 2018

Caro energia inverno 2018

E’ già successo lo scorso inverno e probabilmente anche questo inverno ci sarà un caro energia dovuto alla Francia.

La Francia, da cui l’Italia importa il 10-12% di elettricità, ha dovuto chiudere una centrale elettrica temporaneamente a causa di un potenziale rischio di crollo di una diga nelle sue vicinanze.

I reattori sono stati spenti e questa fermata comporterà una perdita di 5-8 TWh su base annua. La centrale ha una potenza complessiva di 3660 MW.

Rischiano di essere chiuse altre 15 centrali nucleari che sono attualmente in osservazione.

Per soddisfare la richiesta interna la Francia diminuirà l’esportazione, e questo comporterà un aumento di prezzo in tutti i paesi confinanti.

Germania, il nuovo governo e il destino di diesel e carbone

Germania, il nuovo governo e il destino di diesel e carbone

La mezza sconfitta di Angela Merkel alle elezioni politiche tedesche porta in primo piano la possibilità di un’alleanza di governo con il partito dei Verdi, uscito invece rafforzato dalla consultazione, e gli effetti sulle politiche energetiche, climatiche e ambientali di Berlino

L’evoluzione delle trattative tra Angela Merkel e il partito ecologista tedesco sarà tenuta sotto stretta osservazione soprattutto dall’industria automobilistica e da quella del carbone. Per i Verdi si presenta l’occasione di andare al Governo dopo 12 anni di opposizione (compreso il rifiuto di entrare nell’esecutivo nel 2013): il risultato elettorale (nettamente superiore alle aspettative) li dota di una forza contrattuale tale da poter quanto meno influenzare l’agenda della cancelliera. Sullo sfondo, una Germania ancora impantanata negli strascichi dello scandalo del dieselgate e indietro nel raggiungimento dei target ambientali posti dall’Europa per il 2020.

A tener banco negli ultimi mesi è stato soprattutto il dossier legato al bando delle auto a combustibili fossili, che i Verdi vorrebbero in vigore a partire dal 2030 in favore di una svolta decisa verso la mobilità elettrica. Fino ad oggi Merkel ha sostenuto un approccio ben diverso da quello abbracciato da Francia e Gran Bretagna, una transizione soft senza misure drastiche. “Non c’è alcun dubbio che i motori a combustione dureranno ancora per decenni”, ha detto la cancelliera solo due settimane fa all’apertura dell’auto salone di Francoforte. “Bisogna renderli più efficienti, vanno sviluppate nuove alimentazioni per tutelare l’industria dell’auto tedesca”. Oggi nel settore automotive sono impiegati circa 870mila addetti, il 13% del Pil e il 18% delle esportazioni.

A “rassicurare” maggiormente i produttori di automobili è forse il “precedente” del Land del Baden-Wuttemberg, unico esempio di alleanza CDU-Verdi, oltre che terra di Porsche e Mercedes: lo scorso 28 luglio il tribunale amministrativo di Stoccarda ha accolto l’istanza di alcuni gruppi ambientalisti in merito all’approvazione di un divieto di circolazione per le automobili diesel (fino alle euro 5) nel centro cittadino. In quel caso Winfried Kretschmann, storico membro del partito dei Verdi e governatore del Land, si è schierato su posizioni più miti. Ora si attende l’appello delle case automobilistiche al tribunale amministrativo federale.
Secondo molti analisti, le posizioni dei Verdi avranno molto più presa per quanto riguarda l’uscita dal carbone per la produzione di energia elettrica. Nel mirino c’è sempre il 2030. Ad oggi il maggiore impatto della Cancelliera Merkel in tema di politica energetica tedesca è stato l’abbandono del nucleare nel 2011 dopo il disastro di Fukushima. Una decisione che ha messo in una posizione di forza il carbone (23% della produzione elettrica).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Copyright © ENER-G EVOLUTION SRL • P.Iva 11511770015 • Privacy PolicyCookie Policy

Powered by Aura Consulting S.r.l.s. - ©
Sede Legale: via Albert Bruce Sabin, 1 Misterbianco 95045 (CT)
P.IVA 05256520874
Sito mobile